Proctologia Convivere con il Morbo di Crohn - Prof. Paolo Barillari

Published on aprile 11th, 2017 | by redazione

0

Convivere con il Morbo di Crohn

Il Morbo di Crohn è una infiammazione cronica che, con cure adeguate e controlli regolari, è possibile controllare, a favore di una migliore qualità della vita. Oggi approfondiremo quali sono le sue complicanze e come prevenirle.

Si calcola che siano circa 200.000 gli italiani che soffrono delle cosiddette Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali. Tra queste vi è la Malattia di Crohn, conosciuta anche come Morbo di Crohn. Questa patologia può colpire tutto il tratto gastrointestinale, anche se nel 90% dei casi affetta soprattutto l’ultima parte dell’intestino ed il colon.

COMPLICANZE DEL MORBO DI CROHN

Se la malattia non viene trattata in maniera adeguata può portare a della complicanze, che spesso richiedono un trattamento chirurgico, complicanze quali:

  • ULCERE

Quando la malattia non viene curata si possono formare delle ulcere, ossia delle piaghe profonde all’interno dell’intestino, dovute all’infiammazione.

  • FISTOLE

Sono collegate alle ulcere da cui si originano. Queste possono arrivare a perforare l’intestino e raggiungere gli organi circostanti.

  • PERFORAZIONE INTESTINALE

In caso di infiammazione severa, la parete dell’intestino può assottigliarsi a tal punto da lacerarsi e provocare poi una infezione chiamata peritonite.

  • STENOSI

In caso di infiammazione prolungata, può formarsi del tessuto cicatriziale che a sua volta può portare a un restringimento del lume intestinale, ossia una stenosi

CAUSE

Le cause che portano al Morbo di Crohn non sono conosciute, ma questa non è né una malattia ereditaria, né genetica. Oggi, però, sappiamo che la combinazione di alcuni fattori può scatenare l’infiammazione, come:

  • Una certa predisposizione genetica alla malattia
  • Tabagismo
  • Alterazioni della flora batterica intestinale
  • Risposta immunitaria: il deterioramento dei tessuti provocato da una reazione immunitaria, che fa sì che le cellule attacchino in maniera continua l’intestino, innesca e perpetua l’infiammazione

SINTOMI

Non sempre il Morbo di Crohn dà sintomi, infatti il più delle volte viene diagnosticato per caso. Tuttavia i sintomi che possono manifestarsi sono:

  • DIARREA CRONICA (se continua per più di 4 settimane)
  • DOLORI E CRAMPI ADDOMINALI
  • LIEVE FEBBRE (soprattutto la sera)
  • PERDITE DI SANGUE MISTO ALLE FECI
  • CALO DI PESO: nei casi gravi, il Morbo di Crohn, poiché interessa l’intestino tenue, ossia il tratto di intestino deputato all’assorbimento della maggior parte dei nutrimenti, può causare malassorbimento e malnutrizione

PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE

Per imparare a convivere con il Morbo di Crohn, è molto importante prevenire le complicanze legate alla malattia e tenere sotto controllo la sua evoluzione. A questo scopo è consigliato:

  • DIAGNOSI PRECOCE

In caso si manifestino diarrea e dolori addominali continui per più di quattro settimane,  accompagnati da perdita di peso e familiarità per le malattie autoimmuni, è bene effettuare: esami del sangue e delle feci, integrati ad una Ecografia, TC o Risonanza Magnetica.

  • PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE

Una volta diagnosticata la malattia, è fondamentale sottoporsi a:
esami del sangue e delle feci ogni 6- 12 mesi
Ecografia, TC o Risonanza Magnetica ogni 12 mesi
– se necessario, una colonscopia ogni 12 mesi

  • PREVENZIONE DELLE NEOPLASIE A CARICO DELL’INTESTINO

In caso di Morbo di Crohn esteso al colon, è necessario effettuare:
– una colonscopia con biopsie seriate (ossia a distanza di 10-12 cm) per individuare eventuali displasie, ogni 12 mesi a partire dai 10 anni dalla diagnosi

  • PREVENZIONE DELLE INFEZIONI

È opportuno che i pazienti che si sottopongono a terapie immunodepressive facciano:
– la vaccinazione per l’epatite B, se non è stata già effettuata
ogni anno la vaccinazione anti-influenzale
ogni 5 anni la vaccinazione anti-pneumococco
– vaccinazione HPV per le donne

 

Per informazioni, contattare il Prof. Paolo Barillari che opera presso la Casa di Cura Privata “Villa Mafalda” di Roma

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • VIDEO

  • ULTIME NEWS

  • Contatta il Professore


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi