Borborigmi: quando è lo stomaco a parlare

0
40455
Borborigmi - Il Blog del Prof. Paolo Barillari

I borborigmi sono quei rumori che normalmente si producono durante l’attività digestiva. Talvolta possono anche essere un sintomo legato ad una patologia gastro-intestinale, per cui è bene comunque approfondire.

I borborigmi, anche detti gorgoglii addominali, sono dei rumori dovuti ai movimenti dei gas intestinali legati alla cosiddetta peristalsi. Quest’ultima è la contrazione progressiva del tratto gastro-intestinale, fondamentale nel processo di digestione.

CAUSE FISIOLOGICHE

Come abbiamo già detto, i borborigmi sono gorgoglii del tutto naturali, che possono avvenire sia a stomaco pieno che a stomaco vuoto. Vediamo quali potrebbero essere le cause naturali:

  • DIGESTIONE. Oltre ai normali movimenti legati all’attività digestiva, i borborigmi possono essere causati da una eccessiva fermentazione dei cibi o dal consumo di alimenti non ben sopportati dallo stomaco o più difficili da digerire, come ad esempio: cibi piccanti o speziati, latticini freschi, ortaggi e frutta
  • FAME. Quando si è a digiuno, i borborigmi indicano che lo stomaco, per prepararsi all’arrivo del cibo, sta attivando la secrezione dei succhi gastrici. Ovviamente lo stomaco vuoto amplifica il rumore dei gorgoglii
  • SITUAZIONI CHE PERCEPIAMO COME STRESSANTI
  • GRAVIDANZA

 

 

CAUSE PATOLOGICHE DEI BORBORIGMI

Nel caso in cui i borborigmi dovessero aumentare di intensità e frequenza, potrebbero indicare la presenza di patologie a carico dell’apparato gastro-intestinale, quali:

ALCUNI CONSIGLI

Quando i borborigmi sono dovuti a cause patologiche, per poter risolvere il disturbo è necessario risalire alla malattia scatenante.

Per quanto riguarda i gorgoglii fisiologici è consigliabile:

  • Assumere fermenti lattici o yogurt bianco in caso di alterazioni della flora batterica
  • Adottare uno stile di vita sano ed equilibrato
  • Effettuare 3 pasti al giorno, ad orari regolari
  • Consumare pasti leggeri e, quindi, facilmente digeribili
  • Mangiare con calma, masticando bene (molti lo ignorano, ma la digestione comincia nella bocca)
  • Evitare di mangiare la frutta dopo i pasti, in quanto fermenta nell’intestino

 

Per dubbi o informazioni, contattare il Prof. Paolo Barillari che opera presso la Casa di Cura Privata “Villa Mafalda” di Roma

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui