Estate sicura: consigli contro le ustioni

0
397

Con l’arrivo dell’estate le scottature sono all’ordine del giorno. Per questo è importante conoscere alcuni rimedi per evitare di peggiorare la situazione. Da bruciature “semplici” ad eritemi o ustioni vere e proprie niente di tutto ciò è da considerarsi “di poco conto”. La pelle è una parte delicata del corpo che porterà con sè nel tempo il ricordo dei danni subiti. Ecco alcuni consigli pratici per trattare con le disavventure estive.

Raffreddare la zona

Con una pezza umida di acqua fresca si può ottenere un sollievo immediato. E’ importante non utilizzare ghiaccio perché peggiorerebbe la situazione. Dopo aver umidificato la pezza bisogna lasciarla in posa per 10-15 minuti. Anche un bagno rinfrescante in vasca o doccia possono aiutare.

Consigli per il dolore

In presenza di eventuale dolore che non passa si può chiedere consiglio al farmacista per utilizzare farmaci da banco. L’importante è di non fare di testa propria perché il rischio di fare peggio è sempre dietro l’angolo.

Borotalco per passare una notte senza dolore

Cospargere le lenzuola di borotalco diminuisce l’attrito della pelle con le lenzuola durante la notte e quindi aiuta a dormire nel caso vi siano lesioni sulla pelle.

Creme idratanti

Subito dopo la doccia o il bagno l’utilizzo di una crema idratante aiuta. Andrebbe spalmata quando la pelle è ancora umida in modo da intrappolare un pò d’acqua sulla superficie. Attenzione però alle creme troppo dense o sbagliate, come la vaselina, che intrappolano la pelle surriscaldandola.

Cibi che aiutano

L’idratazione della pelle riguarda anche quello che mangiamo quindi, oltre a bere molta acqua, bisogna mangiare tanta frutta ricca di acqua come l’anguria. Se la pelle si brucia vuol dire che anche l’organismo ha subito un processo di disidratazione che va tenuto sotto controllo.

Vesciche

Se si formassero delle vesciche in seguito ad un’ustione è vietato romperle. Nel caso si rompessero bisogna pulire bene la zona, disinfettare ed eventualmente passare anche un battericida. Bisogna sempre evitare il rischio infezione, soprattutto quando sono di grandi dimensioni, usando all’occorrenza anche una garza per coprirle.

Proteggersi sempre

La migliore cura rimane la prevenzione: non avere paura di utilizzare creme protettive o indumenti protettivi soprattutto nelle ore più calde del giorno per evitare di bruciare la pelle. E’ un consiglio che dovrebbero seguire soprattutto i giovani adolescenti, spesso incauti: le bruciature che si prendono negli anni dell’adolescenza porteranno conseguenze anche vistose nei successivi 20 anni di vita. L’invecchiamento della pelle viene accelerato da una cattiva esposizione al sole e la pelle non dimentica, oltre ad aumentare il rischio melanomi.

 

Prof. Paolo Barillari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui