Prolasso della vescica: sintomi e fattori di rischio

0
180
Prolasso della vescica, sintomi e fattori di rischio - Il Blog del Prof. Paolo Barillari

Un prolasso della vescica ad uno stadio lieve può anche essere asintomatico. Vediamo quali possono essere i fattori di rischio predisponenti e quale sintomatologia può manifestarsi in fase avanzata.

Quando la vescica scivola verso il basso dalla sua sede anatomica, siamo in presenza di un disturbo chiamato cistocele o prolasso vescicale. Si tratta di una problematica associata all’indebolimento della muscolatura pelvica, in particolare della fascia di tessuto connettivo che separa per l’appunto vescica e vagina. Nel momento in cui questa fascia vescico-vaginale cede, la vescica perde il suo sostegno, scendendo fino ad invadere la vagina. Tali condizioni determinano il prolasso della vescica, che può essere classificato secondo 3 diversi gradi:

  • – La vescica raggiunge la parete vaginale anteriore, protrudendo verso di essa in maniera lieve
  • II° – La vescica protrude verso la parte esterna della vagina
  • III° – La vescica fuoriesce completamente dalla vagina

PROLASSO DELLA VESCICA: sintomatologia

Come abbiamo detto nell’incipit, in genere un prolasso della vescica ad uno stadio lieve, come il primo o anche il secondo grado, può anche non presentare alcun sintomo. Al contrario, quello di terzo grado può manifestarsi con una sintomatologia che comprende:

  • Dolori pelvici e addominali durante la minzione o anche i rapporti sessuali
  • Urgenza a urinare con conseguente perdita involontaria di urine
  • Sensazione di incompleto svuotamento della vescica
  • Sensazione di pressione o di peso a livello pelvico e vaginale
  • Perdita di urine durante i rapporti sessuali
  • Protrusione della vescica, con aumento dei fastidi sopra citati, quando si tossisce, si fa uno sforzo o si solleva un carico
  • Infezioni urinarie

FATTORI DI RISCHIO

Il prolasso vescicale è dovuto principalmente ad un cedimento dei fasci muscolari che compongono il pavimento pelvico. A sua volta la perdita di sostegno associato all’indebolimento può essere determinato da:

  • Predisposizione genetica
  • Invecchiamento
  • Menopausa. In questo periodo vengono a mancare gli estrogeni, ossia proprio quegli ormoni che rafforzano il pavimento pelvico
  • Gravidanze multiple
  • Parto naturale (o vaginale)
  • Sovrappeso e obesità
  • Sforzi eccessivi dovuti al sollevamento di carichi pesanti
  • Stipsi e tosse croniche
  • Isterectomia (ossia l’intervento di rimozione dell’utero)

Per ulteriori informazioni, contattare il Prof. Paolo Barillari che opera presso la Casa di Cura Privata “Villa Mafalda” di Roma

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui