Riabilitazione del pavimento pelvico

0
1266

Come allenare il pavimento pelvico per far fronte a problemi disfunzionali?

A seguito di un’operazione o anche per problemi di varia natura può essere utile imparare ad allenare il pavimento pelvico. Significa effettuare un trattamento in più step con l’obiettivo di rieducare una muscolatura danneggiata nelle sue funzioni da un trauma o come conseguenza di una patologia, e farla tornare a funzionare e lavorare al meglio. I sintomi possono essere diversi: incontinenza urinaria o fecale, stipsi e defecazione ostruita, fastidi o dolori del distretto pelvico.

Se la chirurgia aiuta a risolvere diversi problemi coadiuvata con un trattamento mirato alla riabilitazione muscolare si raggiungono risultati insperati.

La patologia più diffusa nel campo proctologico pelviperineale sono i prolassi del retto, utero e vescica, che colpiscono il 60-70% delle donne oltre i 60 anni, in particolar modo dopo un parto o un intervento all’utero o a una chirurgia ginecologica o proctologica. Grazie a processi riabilitativi le conseguenze funzionali di queste patologie diminuiscono significativamente. Riprendere infatti il controllo dei propri muscoli pelvici aiuta a riprendere il controllo anche degli stimoli naturali e, di conseguenza, a vivere meglio.

Stimolazioni elettriche per tonificare i muscoli

Il percorso di trattamento serve a ridare al paziente la coscienza della propria muscolatura a livello del pavimento pelvico. Grazie a una macchina di ultima generazione e attraverso una piccola sonda, a seconda della specifica patologia, vengono effettuate delle stimolazioni elettriche al fine di riabilitare e tonificare il muscolo, visualizzate sullo schermo attraverso un grafico così che il paziente possa seguire e imparare, passo dopo passo, i movimenti rieducativi/riabilitativi del proprio pavimento pelvico.

Prof. Paolo Barillari

Casa di Cura Villa Mafalda Roma

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui